27 aprile 2012

Raccontare le cose


L'altra sera è successa una cosa. Alla tv, su La7, hanno mandato in onda in prima serata uno spettacolo di Marco Paolini. Gli spettacoli di Paolini, per quei due o tre che non ne avessero mai visto uno, funzionano così: c'è Paolini - che è un attore che potremmo definire specializzato in monologhi - su un palco allestito con una scenografia minima o quasi inesistente, che racconta delle cose, per due o tre ore. Punto. Questi spettacoli Paolini normalmente li fa a teatro, in giro per l'Italia, ma qualche anno fa qualcuno ebbe l'idea, e il merito, o l'incoscienza, di farlo andare in televisione, e Paolini riuscì a tenere inchiodata davanti allo schermo un bel po' di gente, raccontando per filo e per segno quello che era successo alla diga del Vajont e alle persone che abitavano nella valle, quando ci fu la sciagura. Da solo. Una cosa che uno dice non può funzionare - invece funziona benissimo. Inizi a sentirlo raccontare e non te ne vai più. Io ho davanti agli occhi un'immagine precisa dell'acqua che va da un lato all'altro della valle, ma non l'ho mai vista davvero quell'immagine, l'ho solo sentita raccontare da Paolini. E insomma, quello spettacolo, portato in televisione, andò benissimo, e anche chi prima non ci credeva capì che una cosa del genere poteva funzionare. Da allora Paolini si è riaffacciato in televisione diverse volte, parlando di temi sempre piuttosto impegnativi e tenendo ogni volta incollate davanti alla televisione parecchie persone. Parecchie nel senso di molte.

Benissimo. La cosa che è successa l'altra sera è che Paolini, su La7, ha parlato di Galileo. Anche questo è uno spettacolo che da un po' di tempo porta in giro per l'Italia, non solo nei teatri ma anche nelle scuole, che secondo me è una gran bella cosa. Ah, ecco un'altra cosa importante: Paolini, quando va in televisione, di solito sceglie di ambientare il suo racconto in un posto particolare, che abbia qualche attinenza con il tema. Per parlare di Galileo è andato sotto il Gran Sasso, nei laboratori dell'INFN. Ora, sì, Galileo è Galileo, ci mancherebbe, e c'è il processo e l'inquisizione e compagnia bella, quindi uno potrebbe dire che la scienza c'entra e non c'entra, c'entra più la storia. E invece no, perché Paolini ha parlato anche del Sidereus Nuncius, e di Tolomeo e di Copernico e di Keplero, e ha pure reinterpretato alla maniera della commedia dell'arte (in veneto stretto, e io l'ho capito lo stesso) il famoso discorso della stiva, che è uno dei momenti fondanti della fisica moderna. Quindi, riassumendo, Paolini è andato in tv, in prima serata, a parlare di scienza, in un posto di scienza, e la cosa è andata avanti per un paio d'ore buone - e poi c'è stato anche un seguito, con interviste a ricercatori che lavorano sotto il Gran Sasso, e Paolini che girava tra gli esperimenti e li spiegava. E li spiegava bene. Il tutto è andato avanti fino all'una passata e, a quanto pare, è stato visto da parecchie persone, nel senso di molte. Dicono (lo dicono quegli apparecchi che alcune famiglie hanno in casa e che servono per misurare la cosiddetta audience) che ci fossero, davanti alla televisione, a guardare Paolini che parlava prima di Galileo e poi addirittura di materia oscura, un milione e mezzo di persone, più o meno. Che secondo me sono parecchie. Nel senso di molte.

Dal che, deduco alcune cose. Intanto che non è vero che non si può parlare di scienza in televisione perché alla gente la scienza non interessa (voi non ci crederete ma c'è chi la pensa così, e di solito fa il funzionario televisivo). No: alla gente - non a tutta, magari, ma comunque a parecchia - piace sentirsi raccontare le cose bene, che si tratti di scienza o di qualunque altro argomento, anche impegnativo. E poi che non è vero che ci vogliono tanti soldi, per raccontare le cose bene. Può farlo anche una sola persona, su un palco semi-spoglio - a patto, però, che sia una persona che le cose le sa raccontare. Per raccontare le cose bene ci vuole fatica mentale, ci vogliono le idee, ci vuole il talento, ci vuole anche molta tecnica. Queste cose, se uno ha provato a raccontare, lo sa che ci vogliono, e si rende conto che non tutti sono capaci e non tutti sono Paolini, certo. Ma, appunto, a modo loro, da molti anni le conferenze TED, o le lectio magistralis nei vari festival della scienza, provano a fare la stessa cosa, a raccontare cose difficili in un modo che ti faccia venire voglia di stare a sentire. E funzionano - alcune di più, alcune di meno, ma funzionano, e la gente va a sentirle. Così come funzionava Baricco quando raccontava i libri o l'opera lirica, o funziona Benigni che racconta Dante, o Saviano che racconta la malavita organizzata.

Poi, certo, lo capisco, è più facile raccattare qualche vecchio documentario dalle pay tv americane, fare un po' di taglia e cuci, e mandarlo in onda introdotto da una presentatrice o da un presentatore improvvisato. Solo, se poi quella roba non la guarda nessuno, non diamo la colpa alla scienza, o alla gente.

9 commenti:

  1. Negli anni Settanta - quando la Rai pur con tutti i suoi difetti confessionali era davvero una cosa seria - persone che avevano fatto la terza elementare guardavano con interesse belle storie come "A come Andromeda" (dal romanzo di Fred Hoyle), il quiz non c'era più di una volta alla settimana, il varietà al massimo il giovedì e il sabato. Le cose belle le apprezzano tutti, il racconto affascina da sempre. Ma qualcuno ha deciso che poteva essere meglio catturare l'attenzione delle persone con l'ebbrezza delle luci e dell'abisso cognitivo, soltanto con le cose brutte. E ha una paura matta che qualcuno possa comprendere l'inganno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero! esiste l'entropia informatica e purtroppo esiste l'entropia dell' informazione e la RAI = Minculpop ne è l'esempio lampante. Una volta c'era la RAI ora invece la RAI cera... nel senso che s'è squagliata al calore delle tette delle letterine per colare tra le mutande delle ballerine. Aridatece intanto il Maestro Manzi e l'indimenticabile "Non è mai troppo tardi" che immancabilmente Fred Hoyle arriverà poi gradito e sopratutto capito...

      Elimina
  2. Ho appena compilato il form per "The Apprentice"... Spero di partecipare, la trasmissione su Cielo mi sembra una buona opportunità: http://www.cielotv.it/programmi/showtv/the_apprentice_form.html

    RispondiElimina
  3. E' stato un bellissimo momento di televisione, davvero. Ero quasi commosso, e mi sentivo davvero una persona migliore, a guardare la tv quella sera.

    RispondiElimina
  4. Sottoscrivo le emozioni di Enrico.
    Io commosso lo ero davvero, perchè quante volte succede che una rete (diminuendo anche gli stacchi pubblicitari che su La7 possono uccidere) trasmetta per oltre tre ore uno spettacolo che trae vita dalla scienza e che poi ti aggiorna sugli esperimenti in corso al Gran Sasso? Me lo sarei aspettato da Rai 3 ma evidentemente al momento c'è più fantasia e libertà su La7.
    Speriamo che duri o quantomeno stimoli altri a farlo.

    RispondiElimina
  5. La bellezza se la vedi la riconosci. Il problema non è la televisione ma quello che ci passa attraverso... Anche per me è stato un bel momento...

    RispondiElimina
  6. Condivido!!! ti cito nel seguente post: http://ilpianetadellescimmie.wordpress.com/2012/04/29/la-fine-di-darwin-la-rivista/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sapevo della chiusura di Darwin, è un peccato.

      Elimina
  7. Ho visto anch'io lo spettacolo di Paolini e, ne ero certo, non mi ha deluso, anzi mi ha emozionato. Sono stato incollato alla tv fino all'ultimo secondo della trasmissione nonostante la tarda ora e nonostante che il mattino dopo la sveglia abbia suonato alle 4.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...