header

12 ottobre 2010

Sul confine


Ok. Ci è voluto un po' (una stagione e mezza, più o meno), ma alla fine mi sono fatto prendere da Fringe.  All'inizio la formula mi sembrava un po' scontata, le puntate erano costruite col sistema del procedural drama alla CSI — che non mi ha mai entusiasmato — e mi mancavano la serialità estrema, gli intrecci complessi e il cast ricco di altre serie come Lost. E la puntata pilota, diciamolo, era piuttosto debole. Ma piano piano il tutto acquista una sua identità, i sottoplot si organizzano in una trama strutturata, e soprattutto escono fuori le storie e i caratteri dei personaggi. Merito soprattutto di John Noble, attore finora semisconosciuto, che riesce miracolosamente a rendere sopportabile uno dei cliché più abusati, quello dello scienziato pazzo. Si finisce per affezionarsi a Walter Bishop, arruffato esemplare moderno della specie leonardesca, inerme e pericoloso allo stesso tempo. E ci si dimentica quasi della totale implausibilità di tutta la faccenda. Sì, perché questo dopotutto è un blog che parla di scienza, e mi sento in obbligo di dire chiaramente che sul piano puramente scientifico non c'è una sola cosa che abbia fondamento nei mirabolanti avvenimenti investigati dai nostri eroi, e nelle geniali trovate del dottor Bishop. E gli autori lo sanno, tanto che lo hanno dichiarato programmaticamente fin dal titolo: la fringe science, la scienza di confine, non è altro che un eufemismo, uno dei nomi della pseudoscienza. Ma finché si tratta di intrattenimento ben fatto (e non di frottole spacciate per divulgazione scientifica) io perdono tutto.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...