05 settembre 2010

Ottima scienza televisiva


Ieri sera ho guardato su Raitre quella che, da quanto ho capito, era una sorta di puntata pilota per una nuova serie di divulgazione scientifica: Cosmo, un titolo che richiama un precedente illustre, la storica trasmissione di Carl Sagan. In questo caso, però, non si parla dell'universo, ma, se interpreto correttamente il sottotitolo ("Siamo tutti una rete") della totalità delle connessioni che legano gli abitanti del nostro pianeta. La conduce Luca De Biase, direttore di Nòva24, l'inserto tecnologico del Sole 24 Ore, insieme ad altri giovani esperti di scienza e comunicazione (tra cui Dario Bressanini, uno dei blogger de Le Scienze). L'ho guardata non solo perché a loro mi accomuna la frequentazione dello stesso pezzo di blogosfera, ma anche perché in questo momento penso che in Italia ci sia una carenza drammatica di buone trasmissioni di questo tipo, soprattutto nel servizio pubblico. E sono contento che il risultato non mi abbia deluso, né dal punto di vista dei contenuti, né dal punto di vista della realizzazione, che mi è parsa del tutto competitiva con prodotti simili che si fanno nel mondo anglosassone (senza alcun dubbio il modello per questo tipo di cose). Ho apprezzato soprattutto che si provasse a parlare non esclusivamente di tecnologie o di web (come avevo temuto dal sottotitolo della trasmissione), ma anche di scienza: e anzi mi piacerebbe che la bilancia pendesse ancora di più su questo aspetto. Se questo era solo un inizio, auguro alla squadra di Cosmo di poter continuare. Come assaggio, era ottimo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...