header

16 ottobre 2009

Ancora su LHC, retrocausalità e il New York Times

L'articolo di Overbye sull'ipotesi di Nielsen e Ninomiya (di cui si diceva l'altro giorno) ha provocato comprensibilmente diverse reazioni. Accenno solo a un paio che mi sono sembrate significative. Sean Carroll fa un'analisi piuttosto lunga, che si conclude così:
"In fin dei conti, questa teoria è folle. [...] Ma sono felice di riconoscere che si tratta di un tipo buono di follia. Gli autori partono da un'idea speculativa ma ben definita, e la portano alla sue logiche conclusioni. Questo è ciò che ci si aspetta dagli scienziati. Penso che la probabilità che il modello sia giusto è meno di una su un milione, per cui non prenderò molto sul serio le sue previsioni. Ma il processo attraverso cui quelle previsioni sono state prodotte è perfettamente scientifico."
Ted Bunn si concentra sull'aspetto delle probabilità cui fa riferimento Sean, e mostra che l'esperimento proposto da Nielsen e Ninomiya per verificare la loro teoria è impossibile in pratica, o meglio, è possibile solo se crediamo che un malfunzionamento di LHC causato da un effetto di causalità rovesciata sia a priori più probabile di un qualsiasi altro guasto. Credo che tutte le persone che lavorano su LHC, in questo momento, vorrebbero tanto che fosse così.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...