header

30 aprile 2007

Poincaré e la bellezza della scienza

Henri Poincaré, di cui ieri era l'anniversario della nascita, fu uno degli ultimi scienziati universali: diede contributi importanti in molti campi diversi della matematica e della fisica. Nel corso della sua carriera si interessò anche alla filosofia della scienza. Ecco cosa pensava del rapporto tra scienza e bellezza:
Lo scienziato non studia la natura perché sia utile farlo. La studia perché ne ricava piacere; e ne ricava piacere perché è bella. Se la natura non fosse bella, non varrebbe la pena conoscerla, e la vita non sarebbe degna di essere vissuta. Ovviamente, non mi riferisco alla bellezza che colpisce i sensi, alla bellezza delle qualità e delle apparenze. Non la disprezzo affatto, ma non ha niente a che fare con la scienza. Intendo riferirmi a quell’intima bellezza che deriva dall’ordine armonioso delle parti e che può essere colta da un’intelligenza pura. (...) Proprio perché la semplicità e la vastità sono entrambe belle noi cerchiamo di preferenza fatti semplici e fatti vasti; e ne traiamo piacere, ora dal seguire il corso immenso delle stelle, ora dall’osservare con un microscopio quella prodigiosa piccolezza che è anche una vastità, e ora nel ricercare nelle ere geologiche quei segni del passato che ci attraggono per la loro lontananza.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...